Come realizzare una colonna sonora da viaggio

Un viaggio in automobile, da soli o con la compagna o il compagno a fianco, diventa piu' bello se ad accompagnare il tempo che passa, cosi' come la strada e i paesaggi, c'e' una musica adatta. In molti casi ce la ricorderemo come la colonna sonora del viaggio, e il nostro ricordo sara' piu' piacevole e completo.

L'Hardware (L'Impianto)

La prima cosa a cui pensare per realizzare la colonna sonora per un viaggio (o per i viaggi) in auto e' il supporto su cui memorizzarla.

Dimenticate da tempo le vecchie Compact Cassette, voluminose, poco capienti, fragili e con una pessima fedelta'. Hanno fatto il loro tempo anche i CD preregistrati e i "CD changer" di qualche anno fa.

Tutto sommato sono da relegare al passato anche i CD masterizzati MP3, sia per le loro dimensioni che per la macchinosita' dell'operazione di masterizzazione. Anche la capacita' (circa 10 ore di musica MP3) non e' un granche'.

Oggi la stragrande maggioranza delle nuove autoradio possono essere connesse ad una chiavetta USB o all'iPod, supporti pratici, capienti, piccoli e flessibili: le musiche memorizzate possono essere cambiate molto facilmente un numero illimitato di volte. Anche le autovetture con l'impianto audio preinstallato (OEM, come usano dire gli addetti ai lavori) cominciano ad avere queste possibilita'.

Le "pen drive" da 8 GB contengono approssimativamente piu' di 100 ore di musica MP3 a 128 kbit/sec, e una chiavetta di questo genere si puo' trovare a 10 euro. A questo punto il "collo di bottiglia" potrebbe essere l'autoradio, che a volte non e' in grado di gestire tutti quei Giga Byte.

L'iPod nano da 8 GB si puo' trovare a meno di 150 euro. Naturalmente, in questo caso, occorre verificare che l'autoradio abbia l'ingresso adatto per iPod.

In entrambi i casi, e' possibile realizzare delle "playlist" con la sequenza di brani preferita. Nell'iPod tale funzione e' gia' compresa mente per la chiavetta USB e' sufficiente utilizzare uno dei numerosi programmi "MP3 utility" che si trovano gratuitamente in rete.

Alcune autoradio hanno la possibilita' di accettare le schede di memoria SD, cosa che, almeno per il momento, sembra una soluzione poco pratica.

La Musica

Qui passiamo ad un ambito strettamente personale: non a tutti piacciono le stesse musiche che possano fare da colonna sonora per il viaggio.

Comunque, a meno che non siate monomaniaci, e' consigliabile realizzare piu' playlist, ciascuna con musiche aventi caratteristiche abbastanza omogenee. Per esempio una sequenza di brani di musica classica, una sequenza di cantautori, una di musica piu' rock, o hip hop (per i piu' giovani?).

La scelta del tipo di musica da ascoltare dipende da molti fattori, ad esempio l'umore personale, la compagnia del viaggio e il (i) posti dove si sta viaggiando. Tipicamente la musica classica e' piu' adatta per strade di montagna mentre un rock "che pompa" e' ottimo sui lunghi rettilinei delle autostrade.

Viaggiare in sicurezza con la musica preferita

Viaggiare ascoltando musica non e' solo piacevole: e' infatti accertato come riduca i colpi di sonno e aumenti la concentrazione, purche' non sia ascoltata a volume troppo elevato. Una controindicazione: non ascoltare la musica in cuffia mentre si e' al volante. Non si sentirebbe ne' il rumore del proprio motore ne' eventuali segnalazioni acustiche di altri automobilisti, per cui puo' essere molto pericoloso.

In conclusione, ascoltate la vostra colonna sonora da viaggio preferita, attraverso un impianto audio anche di elevatissima qualita', ma a volume contenuto.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2014