Excite

Come funziona il Telepass

Maledetto casello! Beh, capita a tutti di avvicinarsi ad una barriera autostradale e temere l'attesa delle code. Fortunatamente c'è un modo e, insieme, un mezzo per aggirare l'ostacolo, per spendere il minor tempo possibile. Sappiamo tutti come si chiama: adesso, però, cerchiamo di capire bene come funziona il Telepass. Un metodo semplice ed efficace per lasciarsi alle spalle chi paga con carta o contanti.

Telepass: cos'è, come s'installa, come funziona

Il sistema Telepass consente di espletare le transazioni economiche senza fermarsi al casello, velocizzando i transiti e riducendo il consumo di carburante. Il suo utilizzo non prevede alcuna maggiorazione del pedaggio e su ciascun apparato possono essere inserite fino a un massimo di due targhe. L'apparato Telepass può essere installato su qualsiasi autovettura o veicolo pesante adibito al transito in autostrada. È inoltre possibile utilizzarlo per i transiti effettuati con moto di cilindrata superiore a 150cc nelle piste abilitate, contrassegnate dal simbolo della moto per terra. L'installazione del Telepass è semplice e immediata: grazie a un adesivo, l'apparecchio si applica all'interno della vettura al centro del parabrezza, in alto. L'alimentazione avviene per mezzo di una batteria interna, con autonomia media di quattro anni. La batteria non è sostituibile e, quando la sua autonomia cessa, ci si può recare presso un Punto blu della rete autostradale per ottenere gratuitamente un altro Telepass.

Ma come funziona questo Telepass? Il funzionamento pratico è relativamente semplice: all'avvicinamento al casello un impianto ottico (CTV) riconosce il tipo di veicolo e attiva l'emissione del segnale da parte del casello. L'impianto di bordo risponde alla "chiamata" del trasmettitore a terra, ritrasmettendo un codice identificativo univoco. La centralina a terra registra il passaggio e dà ordine di alzare la sbarra.

Quando qualcosa non funziona

In caso di mancato dialogo tra le due parti del Telepass, una speciale fotocamera fotografa o filma la targa, per poter risalire all'autore del transito non autorizzato o non andato a buon fine. In ogni caso, un secondo impianto ottico provvede alla conferma della classificazione del tipo di veicolo e alla sua categorizzazione in una delle 5 classi tariffarie. Tutta la transazione avviene in pochi decimi di secondo, evitando di doversi fermare al casello: l'unico vincolo è procedere abbastanza lentamente da dare il tempo all'apparato di eseguire la richiesta, per cui è presente un limite di velocità di 30km/h. L'eliminazione del tempo di fermata e ripartenza e del pagamento manuale velocizza notevolmente lo scorrimento. Il pagamento del pedaggio viene addebitato automaticamente sul conto corrente o su una carta di credito dell'intestatario dell'abbonamento e fatturato a scadenze regolari, semplificando anche la gestione amministrativa di chi usa l'auto come strumento di lavoro.

Cosa fare per richiedere la fattura?

Dopo aver compreso come funziona il Telepass, lo si potrà utilizzare senza problemi. Ma, dopo l'utilizzo, arriva anche la fattura, volendo. Come? Se sei cliente Telepass con Viacard riceverai automaticamente la fattura delle tue soste. Se, invece, sei cliente Telepass Family puoi richiedere la fattura a Telepass prima della sosta al parcheggio convenzionato, attraverso: Area privata su Telepass Club del sito Telepass.it; Punto Blu o altro centro di assistenza autorizzato; via fax oppure attraverso il Customer Care.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2020