Excite

Aci: più autovelox che etilometri alla Polizia

  • © LaPresse

Servono di più gli Autovelox o gli etilometri? Questa è la domanda che si è fatta L'Aci durante il 4° Forum Internazionale delle Polizie Locali tenutosi a Trento.

La risposta, se si suppone che la necessità di uno strumento dipenda anche dalla quantità che se ne chiede in dotazione, sembra tendere verso i primi. L'indagine presentata dalla Fondazione ACI "Filippo Caracciolo", con lo studio "La Polizia Locale in Italia", fotografa che "i Comandi delle Polizie Locali dispongono di 6,2 misuratori di velocità ogni 100.000 abitanti (con una forbice tra le 13,6 apparecchiature della Valle d’Aosta alle 2,7 della Sicilia), gli etilometri sono solo 2,2 ogni 100.000 abitanti (dai 4,4 del Veneto agli 0,4 della Calabria)".

In pratica, per ogni etilometro che vediamo (giustamente!) in funzione sulle nostre strade, ci sono quasi 3 autovelox. In linea di massima il dato potrebbe anche essere positivo, l'autovelox è un valido deterrente nei confronti della guida sconsiderata. L'etilometro, però, oltre ad essere un deterrente, è uno strumento preventivo: identifica chi non è in condizione di guidare, lo sanziona e impedisce, se necessario, che si rimetta alla guida in stato di ebbrezza.

Una conclusione, forse affrettata, è che gli autovelox siano in numero maggiore poichè, dati alla mano, portano molti più soldi nelle casse dei Comuni (l'indagine è effettuata sulla base della dotazione delle Polizie locali). Aspettiamo una "piacevole" smentita dalla prossima indagine che, si spera, fotograferà una situazione differente. Come dichiara il Presidente dell'Aci: "L’attività sanzionatoria deve quindi essere orientata ad incrementare gli standard di sicurezza della circolazione e non le entrate economiche locali. In quest’ottica devono rinnovarsi le dotazioni dei Comandi, soprattutto dei Comuni più piccoli". In basso è disponibile il Comunicato Stampa ufficiale dell'Aci.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017