Excite

Al volante da 18 ore, mangia i dischi del cronotachigrafo

Per cercare di non avere problemi con la polizia cantonale che lo aveva fermato sull'autostrada A2 a Gentilino, poco a nord dell'uscita Lugano Sud–Grancia, un camionista di 34 anni, che era al volante da ben 18 ore consecutive, ha mangiato i dischi del cronotachigrafo, ossia i dischi della scatola nera che certifica le ore e i chilometri percorsi.

Peccato che i dischi non siano così digeribili e che l'autista dell'autocarro italiano oltre a ricevere la multa è dovuto correre in ospedale. Quando è stato fermato perché viaggiava a velocità superiore al consentito e gli agenti hanno cominciato ad effettuare i controlli, l'uomo, originario della ex Jugoslavia, ha pensato bene di ingerire i dischi orari. Subito sono iniziati forti dolori allo stomaco ed è dovuta intervenire un'ambulanza. Come si legge sulla cronaca milanese de La Repubblica, le infrazioni commesse hanno reso necessaria la sua sostituzione alla guida del mezzo e il pagamento di una cauzione di 2mila franchi da parte del datore di lavoro.

 (foto © LaPresse)

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017