Excite

Atti vandalici alle auto in sosta: 1 italiano su 7 li confessa

  • YouTube

Sfregiare l'auto del vicino che puntualmente occupa il vostro posto nel garage condominiale, o magari quella dell'ex che vi ha tradito. Bisogna confessarlo: tutti sono stati tentati, almeno una volta nella vita, di rigare la macchina di qualcuno che non gli sta proprio simpatico.

Per fortuna non tutti lo fanno ma, un italiano su sette ha colpito l'auto di qualcuno con atti vandalici. Lo rivelano gli intervistati dal centro Studi e Documentazione di Direct Line.

Secondo la ricerca dell'assicurazione auto online il 7% degli intervistati ha confessato di aver rigato la carrozzeria, il 3% di aver colpito lo specchietto, e il 2% di aver rotto i tergicristalli. Colpiti anche vetri e gomme dall'1%.

E questi atti di vandalismo non sono poi tanto casuali. Spesso sono operazioni preparate che colpiscono il vicino di casa, l'ex ragazzo o un collega: più della metà degli intervistati, il 64%, infatti, ha ammesso di conoscere il proprietario della vettura. La “vittima” più colpita, è proprio l'ex compagno o fidanzato, preso di mira una volta su sette (14%). Seguono il vicino di casa, l'ex capo o l'attuale superiore, un vecchio insegnante, un collega di lavoro, un rivale sportivo e anche i genitori del compagno di scuola del proprio figlio.

''Gli atti di vandalismo contro le auto sono un fenomeno che reca notevole disagio ai malcapitati proprietari, non solo in termini economici ma anche di stress emotivo– ha spiegato Barbara Panzeri, direttore marketing Direct Line - Se si considera inoltre che i responsabili di tali azioni sono spesso conoscenti delle vittime, il quadro è ancora più sorprendente. Non bisogna dimenticare che coloro che compiono tali azioni, anche se spinti da un momento di debolezza, sono perseguibili penalmente''.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018