Excite

Auto km 0: Germania e Italia leader in Europa

  • Getty Images

Rappresentano un ottimo modo per trasferire auto ai concessionari e svuotare gli stock. E poi, pur essendo auto nuove con tanto di targa e proprietario formale, vengono vendute a prezzi “speciali”. Stiamo parlando delle vetture km zero, immatricolate dalle concessionarie a se stesse per raggiungere gli obiettivi di vendita. Una pratica, che in un certo senso "falsifica" i dati del mercato, sempre più diffusa con la Germania leader del settore, secondo le ultime analisi di mercato, e l'Italia che segue a ruota.

I numeri precisi del fenomeno, a livello annuale, non sono noti ma nel nostro Paese le stime parlano delle km zero come 10% della immatricolazioni totali dunque su 1,4 milioni di auto targate immatricolate lo scorso anno, le km zero sarebbero circa 140 mila. Decisamente un bel numero, ma ben poco se si confronta il fenomeno con quello che accade in Germania, dove è allarme: il mercato tedesco nel 2012 ha contato 3.174.000 nuove immatricolazioni, con un calo di appena il 2,9% sull'anno precedente ma le "tageszulassungen" ("vetture targate per un giorno").

Le km zero sarebbero state 250 mila nel 2011, 180 mila nei primi 7 mesi del 2012 e, secondo "Auto Zeitung", ben 58 mila nel solo dicembre 2012, dunque il 22,4% delle 259 mila immatricolazioni totali dell'ultimo mese dell'anno.

Così anche il più grande mercato dell'auto europeo, pur avendo tenuto botta con la crisi, non se la passa benissimo: senza tutte le km zero, i numeri delle immatricolazioni tedesche non sarebbero poi tanto rassicuranti, ma cancelliera Angela Merkel continuare a sostenere che la Germania è il paese-guida delle economie europee.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017