Excite

Benzina low cost? Il risparmio è alle

Distributori di benzina "low cost" di proprietà di alcuni imprenditori privati, sono le cosiddette "pompe bianche". Questi distributori vendono carburante senza logo offrendo prezzi inferiori rispetto a quelli delle grandi compagnie.

Ma come funzionano queste "pompe bianche"? Lo spiega al "Corriere della Sera" Luca Squeri, presidente della Figisc, Federazione italiana gestori impianti stradali e carburanti: "Nell'ultimo decennio in questo settore è aumentata la concorrenza, grazie anche alle 'pompe bianche' e il consumatore finalmente riceve offerte convenienti e diversificate. Ma non basta, perché la concorrenza dei colossi del carburante in alcuni casi è sleale. In Italia purtroppo ci sono casi in cui nello stesso bacino d'utenza la stessa grande compagnia di appartenenza impone prezzi diversi ai gestori creando delle discriminazioni oggettive. Nel caso dei i distributori low cost, invece, il prezzo è legittimato dal proprietario che salta tutti i passaggi: marketing, stoccaggio, pubblicità e riesce ad essere competitivo".

Questi distributori "low cost" hanno nomi poco conosciuti e sono diffusi soprattutto a livello locale. Ma le associazioni dei consumatori si sono attivate per aiutare gli utenti a trovare queste vere e proprie fonti di risparmio. "Noi ci siamo impegnati a raccogliere l'elenco completo dei distributori low cost in tutta Italia – ha fatto sapere il presidente della Federconsumatori Rosario Trefiletti – e finora abbiamo messo a disposizione sul nostro sito 260 nominativi per cercare di offrire al nostro utente una potenziale alternativa gratuita e facilmente consultabile. Noi vogliamo favorire un processo di liberalizzazione del mercato. In questo momento drammatico c'è bisogno di risparmiare e noi ce ne rendiamo conto". E così ha fatto anche il Codacons nel cui sito è possibile trovare le indicazioni necessarie per ottenere il file con l'elenco delle "pompe bianche" suddivise per regione. "Ma il nostro impegno non si ferma qui - ha detto il presidente del Codacons Carlo Rienzi - stiamo protestando contro una liberalizzazione di facciata che crea un mercato sleale in cui i gestori tradizionali ricevono un trattamento mafioso da parte dei colossi petroliferi che impongono i prezzi".

Riuscire a risparmiare sulla benzina è difficile, ma possibile. Oltre alle "pompe bianche", infatti, si può usufruire degli sconti dei self service nei servizi notturni, delle promozioni delle compagnie petrolifere ufficiali e del servizio di quelle pompe di benzina che hanno il logo di alcune catene della grande distribuzione, come Auchan, Carrefour, Conad.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017