Excite

Bianchi: "Sì all'autolimitazione elettronica della velocità"

Il Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi finalmente si scopre e dice la sua sulla questione dell'autolimitazione elettronica della velocità massima:"Basta volerlo", afferma, ma "non è una cosa facile da far passare".Visto però che "molte auto hanno già la programmazione del limite di velocità, perchè produrre macchine che vanno a 250 all'ora, se poi c'è un limite di velocità inferiore?". Dichiara inoltre che nel pacchetto di strumenti previsti in Finanziaria per arginare gli incidenti stradali "sono previsti anche 800 etilometri per fare controlli specifici. Ottocento pattuglie andranno in giro di notte con a disposizione l'etilometro"

E' stata l'Unione Europea a dare la spinta necessaria alla questione velocità/sicurezza stradale proponendo, nel Libro Bianco sulla politica europea dei trasporti, che gli stati della UE si impegnino a dimezzare il numero di morti entro il 2010. L'obiettivo, praticamente irraggiungibile per la stragrande maggioranza dei paesi comunitari, ha indotto i Governi ad adottare misure drastiche per far fronte al problema sicurezza stradale e, in quest'ottica, la sempre osteggiata "castrazione elettronica" dei motori sembra farsi strada in seno a un ventaglio di soluzioni rigide ma necessarie.

Dopo l'inasprimento delle sanzioni relative alla violazione del Codice della Strada e l'utilizzo sempre più diffuso di etilometri e tutor autostradali, il prossimo step sembra essere quello della riduzione forzata della velocità di marcia. I numeri sono chiarissimi: il tasso di mortalità dove è montato il Tutor è diminuito del 50% e quello relativo ai feriti del 34%. Ora si tratta di giocare la partita Governi - Industria Automobilistica. Aspettiamo nuovi sviluppi.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017