Excite

Carpooling: è boom di richieste in Italia

  • YouTube

Un'alternativa "light" alla rabbia esplosa nei mesi scorsi (anche) a causa del caro benzina e convogliata nel Movimento dei Forconi potrebbe essere il Carpooling. Cos'è? Semplice, stiamo parlando della versione moderna dell'antica arte del pollice alzato a bordo carreggiata, supportata da un sapiente uso del web.

In sintesi, si tratta di condividere con potenziali compagni di viaggio i propri eventuali posti liberi in auto su tratte determinate. Postoinauto.it, sito principe del sistema di condivisione sedili in Italia, lo spiega bene: "Il carpooling si rivolge a due categorie di persone:

  • - Fai dei viaggi in auto e hai dei posti liberi? Offri un passaggio agli utenti registrati, fatti pagare, fai tante nuove amicizie e risparmia sulle spese di viaggio.
  • - Devi fare un viaggio? Approfitta dei passaggi disponibili online, fai nuove amicizie e spendi la metà rispetto al treno!

Il sito in questione, oltre a fornire il servizio di cui sopra, garantendo la sicurezza di una community di utenti registrati e offrendo persino il carpooling per sole donne, ha da poco diffuso i dati relativi alla propria attività che, anche se in maniera parziale, offrono uno spaccato del fenomeno in enorme crescita.

I NUMERI:
100mila posti auto condivisi, ormai stabilmente oltre 20mila passaggi disponibili, +138% di crescita delle offerte di passaggio negli ultimi dodici mesi e un risparmio potenziale di emissioni CO2 che sfiora le 500 tonnellate. Lo studio, pubblicato oggi dal portale a due anni dal suo lancio nel febbraio 2010, contiene dati significativi sul nuovo trend della condivisione dell’auto in Italia, sulla sua distribuzione geografica e sulle 'tipologie' di utenti che utilizzano il servizio. Viene confermato inoltre che, anche se l’Italia è ancora nettamente in ritardo rispetto ad altri paesi europei, complice il caro benzina gli italiani stanno scoprendo i vantaggi del viaggiare insieme, per risparmiare e contribuire a ridurre traffico e inquinamento.

I DATI SUGLI UTILIZZATORI:
L’indagine mostra che la maggior parte di chi condivide passaggi è composta da giovani: la fascia 25-34 anni è quella più folta, con il 26% degli utenti, seguita dal 24% nella fascia 18-24. Cresce tuttavia l'età media di chi offre un passaggio, che si attesta a 39 anni (chi lo chiede ha in media 26 anni). Inoltre, il 36% degli utenti sono donne, a dimostrazione del fatto che, con le opportune misure di sicurezza, anche le donne possono sentirsi al sicuro nel condividere l'auto con degli sconosciuti. Postoinauto.it offre da tempo - come detto - il "viaggio rosa", un viaggio tutto al femminile pensato per le donne che desiderano condividere l’auto con altre donne.

LE TRATTE PIU' RICHIESTE:
In testa alle tratte più richieste spicca la Milano-Roma con oltre 13mila ricerche di passaggi nell’ultimo anno – molte di più rispetto alle offerte effettivamente disponibili. A seguire Roma-Bologna, Roma-Firenze e Firenze-Milano; molto richieste anche Torino-Roma, Roma-Lecce, Milano-Bari e Milano-Napoli. Significativo pure il dato relativo alle distanze percorse: mentre il 42% dei passaggi viene offerto all’interno della stessa provincia (il 6% nella stessa città), solo il 17% delle ricerche di passaggio avviene in provincia (con le aree metropolitane chiaramente in testa). Un indice del fatto che i vantaggi della condivisione dell’auto vengono percepiti, piuttosto che per le tratte quotidiane casa-lavoro, per le lunghe distanze, dove il risparmio è più evidente. Non a caso per un Roma-Milano su postoinauto.it si spendono 30-35 euro, una cifra impensabile con qualsiasi altro mezzo di trasporto.

LE AUTO PIU' UTILIZZATE PER IL CARPOOLING:
Chi guida Fiat, Peugeot o Nissan è un po' meno propenso a condividere l’auto; a differenza invece di chi viaggia a bordo di Volkswagen, Volvo, Opel, Toyota e Mercedes, che preferisce guidare in compagnia.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017