Excite

Carpooling mania: cresce la condivisione dell'auto

  • infophoto

Viaggiare in compagnia, per sentirsi meno soli. E per risparmiare. Costa meno del treno ed ha il sapore dell'avventura e della conoscenza. Dal 20% al 50% in meno, per abbattere i costi, il fenomeno del Carpooling è un fenomeno in espansione. Anche in Italia, finalmente: in Germania, per esempio, si calcola che gli utenti del servizio hanno a disposizione i media un'auto ogni 15 minuti, mentre negli States, alcuni comuni hanno riservato apposite corsie alle vetture che viaggiano con almeno due persone a bordo.

Cos'è il Carpooling?

La condivisione fra più persone di un'autovettura, allo scopo di risparmiare denaro e di viaggiare in compagnia. Nello specifico, il sito blablacar.it è il primo a essere stato creato con lo scopo di mettere in contatto fra loro autisti e passeggeri con le stesse esigenze, per un utilizzo del servizio a titolo non professionale e non commerciale. Segnaliamo anche: carpooling.it, postoinauto.it, autostradecarpooling.it, muoversi.net e roadsharing.com.

Fiducia, trasparenza e sicurezza

E' Carpooling mania: cresce la condivisione dell'auto. Condivisione che poggia su tre elementi fondamentali. La fiducia, destinata ad aumentare a mano a mano che si utilizza sempre di più il servizio stesso. Il servizio è riservato ai maggiorenni ed è strutturato in modo da tutelare la privacy degli utenti. La trasparenza: prima di scegliere il compagno di viaggio, è possibile reperire su di lui informazioni importanti: grado di timidezza o di comunicatività, hobby personali, disponibilità o meno a viaggiare con animali, grado di sopportazione del fumo, preferenza o meno ad ascoltare musica durante il viaggio e così via. Di qui va ad accrescersi la fiducia e ne guadagna la sicurezza: in fase di creazione account, l'utente deve comunicare i suoi dati personali, (tra cui la dichiarazione di possesso della patente a di assicurazione dell'auto), ma caricare una fotografia con il proprio volto. Al termine di ogni viaggio, i passeggeri lasciano un commento di feedback al loro conducente e viceversa (commento pubblico e di conseguenza consultabile da tutti).

Sembra di stare su eBay!

Non a caso paragoniamo questo sistema a quello del famoso portale di commercio on-line: anche nel caso del Carpooling, infatti, sono fondamentali - come abbiamo visto - le referenze. In genere, i commenti (pubblici), le fotografie, oltre alle proprie esigenze di base.

In soldoni...

Non sono previsti guadagni per chi mette a disposizione l'auto: la somma degli introiti percepiti dai passeggeri non deve mai essere superiore al costo reale del viaggio. Parlavamo di treni, beh, se prendiamo la tratta Bologna-Milano noteremo che il viaggio in Frecciabianca costa 32 Euro, a fronte di una quota consigliata in Carpooling che va da 10 a 15 Euro (dipende dal livello di comfort della vettura). La tratta Milano-Napoli, sempre in Frecciabianca, costa 60,50 Euro, in Carpooling la quota richiesta è di circa 50 Euro.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017