Excite

Motori diesel, rischio cancro per gli scarichi

  • infophoto

Il Diesel consuma meno e costa meno. Essere un "diesel" vuol dire partire piano e crescere, magrai vincere, alla distanza. Ma tutto questo non può rallegrare se mettiamo in conto le probabili (praticamente, certe) conseguenze degli scarichi dei motori diesel. Cancerogeni. Una sentenza amara, cruda, che va tenuta in grande considerazione.

L'esposizione a tali gas è associata ad un rischio accresciuto di tumore al polmone ed anche ad un maggior rischio di cancro alla vescica. Lo dice il Centro internazionale di ricerca sul cancro (Circ/Iarc) dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), che nel 1988 aveva classificato le emissioni dei motori diesel tra i cancerogeni "probabili" per l'uomo.

UN BRUTTO COLPO A 360°

Tutto questo e tutto il resto non puo' fare certo felice l'economia, considerato che le vetture diesel costituiscono un mercato non da poco. Sono molto diffuse principalmente nell'Europa occidentale, dove incentivi fiscali, a costruttori e automobilisti, ne hanno favorito la diffusione. In Italia sono state vendute 371.995 vetture diesel nei primi 5 mesi del 2012: flessione del 20% rispetto all'anno scorso. Al di fuori dell'Europa la trazione diesel è confinata quasi esclusivamente ai veicoli commerciali, soprattutto grazie ai migliori consumi. Curioso il dato secondo cui i costruttori tedeschi stiano tentando di aumentare la diffusione del diesel negli Stati Uniti, dove le lunghe distanze da coprire in autostrada sono adatte a questo tipo di motori.

LA PAROLA ALLA DIFESA

Il Diesel Technology Forum, associazione di settore con base a Washington, sottolinea che miliardi di dollari sono stati spesi nella ricerca e lo sviluppo di motori diesel puliti e con emissioni ridotte. I motori diesel che si basano sulle nuove tecnologie utilizzano carburanti a bassissima quantità di zolfo, con sistemi e tecniche avanzate di controllo delle emissioni.

VIETATO PERDERE TEMPO

Milioni di persone nel mondo vivono costantemente a contatto con gli scarichi dei motori diesel. Non solo quelli delle automobili, ma anche di numerosi altri veicoli come treni, navi, camion,autobus, moto, etc. Una situazione che secondo medici e ricercatori dovrà cambiare al più presto. Comunque andrà, ci vorranno molti anni per sostituire i veicoli più inquinanti con quelli a minore impatto ambientale, specialmente nei Paesi meno industrializzati. Prendiamo nota.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017