Excite

Ecco come funziona la truffa del biglietto sul parabrezza dell'auto

  • Facebook @Sostenitori delle Forze dell'Ordine

La fretta di saldare un debito (solo eventuale) espone l’automobilista medio a possibili raggiri, spesso ben organizzate da veri e propri specialisti di truffe ai danni di proprietari più o meno distratti di macchine.

Quali sono le principali cause degli incidenti stradali in Italia?

Una delle esche più insidiose di questo periodo, nota alla Polizia oltre che ai vari comandi locali del Vigili, consiste nel posizionamento di un biglietto sul parabrezza del malcapitato di turno, indotto a contattare una fantomatica “parte lesa” per risarcire un danno di lieve misura.

Si tratta dell’ingannevole artificio orchestrato da truffatori di professione pronti a lucrare sulla distrazione di chi parcheggia l’auto frettolosamente, magari per andare al lavoro o in vista di importanti appuntamenti e senza guardarsi bene attorno.

Di fronte alla richiesta di soldi avanzata dall’autore del biglietto (scritto a mano con tanto di numero telefonico da chiamare), qualcuno abbocca ingenuamente e cede al ricatto sborsando la cifra millantata per evitare spese, noie di vario tipo e lungaggini burocratiche legate al coinvolgimento dell’assicurazione.

(Campania, truffa al Fondo Vittime di incidenti stradali: operazione della GDF. Video)

Altri, al contrario, hanno notato qualcosa di strano nella vicenda e così le forze dell’ordine in diverse città si sono mosse insieme alla polizia municipale iniziando a far luce sulla nuova pericolosa truffa messa in atto da furfanti senza scrupoli con risultati spesso non trascurabili.

Secondo quanto risulta dalle ricostruzioni di testimoni diretti di simili episodi, che sembrano trovare fondamento in pagine social e siti web di discreta attendibilità (anche se non mancano tesi in senso opposto orientate sull'ipotesi della bufala”), la trappola continua a mietere vittime nonostante denunce e appelli in rete.

Semplice e in qualche modo persuasivo il messaggio lasciato in genere dall’autore della truffa sulla macchina scelta per la richiesta di risarcimento in denaro: “Salve, sono il proprietario dell’auto parcheggiata accanto alla Sua. Ho notato segni di carrozzeria che combaciano perfettamente con la parte danneggiata del mio veicolo.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017