Excite

Ecco quando sarà abolito il bollo auto

  • Twitter @CityNews_it

Costerà allo Stato quasi 6 miliardi di euro, in caso di via libera al progetto di riforma della tassazione sui veicoli caldeggiato apertamente dal premier Matteo Renzi da inizio anno, l’abolizione del bollo auto che potrebbe avvenire entro la fine del 2016.

Assicurazione non pagata? Ecco cosa può succedere all'automobilista "moroso"

Sulla strada verso l’abbandono dell’imposta più temuta dagli automobilisti italiani, ci sono ostacoli non di poco conto da superare con apposite misure di copertura economica e legislativa: le minori entrate per le Regioni, alle quali mancherebbe una delle principali fonti di autofinanziamento e la “caduta” delle clausole di salvaguardia da gennaio con vincolo per il governo al reperimento di circa 35 miliardi di euro.

Palazzo Chigi sembra coltivare comunque pochi dubbi in merito alla fattibilità del provvedimento che, al massimo nelle prime settimane del 2017, dovrebbe azzerare il bollo consentendo ai proprietari di auto un risparmio annuo in media di 106 € secondo i calcoli degli addetti ai lavori.

(Bollo auto in ritardo: esiste una sanatoria su interessi e sanzioni? Guarda il video)

In totale si tratta di qualcosa come 50 milioni di veicoli, compresi SUV e macchine di grossa cilindrata, destinati a diventare tax free il giorno dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’attesa legge in calendario per l’anno prossimo.

Dai 63 ai 180 € l’importo medio finora versato all’amministrazione territorialmente competente ogni anno da un privato, in proporzione alle caratteristiche tecniche del singolo mezzo posseduto.

Lo stesso esecutivo, nell’ultima Legge di Stabilità, ha decretato l’abolizione di Tasi e Imu, onerosissime imposte sulla casa il cui ricavato contribuiva ad alimentare le casse dei Comuni traducendosi (almeno sulla carta) in servizi alla cittadinanza e opere di pubblica utilità.

Tra le ipotesi attualmente sul tavolo del Ministero dell’Economia, non manca l’opzione “pragmatica” dell’addio in forma progressiva al bollo auto, senza traumatici contraccolpi sul bilancio dello Stato e con una distribuzione del peso della misura sul lungo periodo, magari in due o tre anni.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017