Excite

F1, si torna a casa

In questi giorni i team di Formula 1 sono rientrati i Europa dopo il caos che ha colpito gli aeroporti a causa della nube di cenere, che ha impedito di volare bloccando moltissimi scali, e che ha impedito al circo della F1 di ritornare alla base. Una situazione critica, che in alcuni momenti ha fatto pensare anche ad un ipotetico rinvio del Gran premio di Spagna, in calendario per il 9 maggio prossimo.

Ma l’allarme nube causato dall’ eruzione del vulcano islandese sembra rientrato e quindi il programma della Formula 1 non subirà alcun tipo di variazione. Ma restano bloccati in Cina ancora diversi team, personale delle scuderie di F1 in attesa che le rispettive compagnie aeree diano il lascia passare per gli imbarchi verso l’Europa. Gli aerei cargo non sono riusciti a decollare dagli scali europei, ed appena cessato l’allarme la priorità è stata di far rientrare attrezzature e vetture e una prima parte dei team.

Nonostante l’ imprevista nube di cenere islandese, le tre settimane di stop tra le gare in programma, rispettivamente Cina e la prossima Spagna, consentono al circo della Formula 1 e alle diverse squadre di rientrare ed effettuare collaudi e test nelle proprie sedi operative. Qualche giorno fa, infatti, erano circolate voci di possibili partenze dalla Cina direttamente per Barcellona, se la situazione meteo non fosse mutata.

(foto © motoyen,flickr.com)

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017