Excite

Ferrari: a Modena nasce il Museo di domani, ricordando Enzo Ferrari

  • museoferrari.com

"L’idea di trasformare un Museo in esperienza l’avevo avuta a Maranello, meno di due anni fa quando Luca di Montezemolo mi chiese di rilanciare il Museo Ferrari". Così Antonio Ghini, Direttore dei Musei Ferrari di Maranello e Modena racconta la nascita del Museo di domani, straordinario ed unico allestimento del MEF, il Museo Enzo Ferrari di Modena, che ha entusiasmato e commosso pubblico e appassionati, facendo capire che da oggi i musei non saranno più gli stessi.

"Osservando i visitatori soprattutto quelli che vengono da lontano e non conoscono la storia e le gesta dell’Azienda e dei suoi piloti, ci si accorge subito che ciò che trasmette un’automobile ferma, anche se lucida e ben illuminata, è ben lontano da quello che quella stessa automobile potrebbe dire se la si vedesse nell’epoca in cui è stata progettata e prodotta ed in quali situazioni è stata usata. - ha raccontato Ghini -A Maranello i cambiamenti fatti per coinvolgere i visitatori hanno funzionato alla perfezione, al punto da superare, sotto lo slogan Vivi il sogno, i 320.000 visitatori nel 2013 da 220.000 che erano appena due anni fa".

Per questo motivo è stata pensala la "rivoluzione destinata a cambiare il concetto stesso di museo". Dal 18 febbraio, anniversario della nascita di Enzo Ferrari, con l’inaugurazione del nuovo MEF di Modena tutti gli appassionati della Rossa e non solo potranno vivere un'esperienza nuova.

"La straordinaria struttura, ora gestita direttamente dalla Ferrari, con una proiezione che avvolge i visitatori attraverso 19 diversi proiettori che portano immagini su pareti, soffitto e pavimento, fa vivere la meravigliosa avventura di Enzo Ferrari. La storia non si limita alle gesta del giovane pilota, dell’animatore della Scuderia e del Costruttore. Si sviluppa, tra fatti e movimenti di quasi 100 anni di storia: dal Futurismo al Ballo Excelsior fino al rock ed ai segni della contemporaneità", ha spiegato ancora il direttore.

"Il successo di questo approccio – una decina di minuti di filmato intervallati da periodi dedicati alla visita – lo si è visto all’inaugurazione con un pubblico rapito nella storia e commosso. Primi tra tutti il figlio Piero e Luca di Montezemolo presenti insieme alle autorità locali ed al sindaco di Modena, Pighi che ha fortemente voluto il passaggio del museo alla gestione Ferrari", ha concluso Ghini.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018