Excite

Fiat, Marchionne: "Non mi muoverò fino al 2015"

  • Infophoto

Big Sergio sta bene dove sta e ci rimane fino al 2015. Questa la sintesi delle dichiarazioni in arrivo da Detroit, dove si sta svolgendo il NAIAS - North American International Auto Show.

La notizia viene da Marchionne stesso a seguito di un'intervista al quotidiano americano Wall Street Journal: "Non mi muoverò fino al 2015". L'AD di Fiat e Chrysler ha poi sottolineato la necessità "di chiarezza sulla questione della successione". "Ritengo - ha affermato - che il 2015 sia il momento giusto". Ha poi spiegato che per quella data "tutto il lavoro internazionale" finalizzato alla fusione tra i due gruppi sarà stato ultimato. Unica certezza pare essere che il successore alla Fiat "verrà dall'interno", ma ha saggiamente evitato di indicare alcun papabile.

Altre news poi sul caso "fusione": "Una fusione - ha detto ancora Marchionne - tra Fiat e Chrysler sarà realizzata entro il 2014, prima bisogna risolvere il nodo della quota del Veba nella casa americana che sarà affrontato nel 2013".

Last but not least, la questione "sede unica": "Torino o Auburn Hills (sede Chrysler vicino Detroit) possono entrambe essere la sede unica del gruppo Fiat-Chrysler in futuro. E c'è anche l'ipotesi di una sede in America latina". Cinico l'AD di Fiat: "L'attaccamento emozionale al proprio paese come produttore deve essere ripensato. Questo non significa tradire nessuno, significa crescere, come quando i ragazzi vanno via di casa. Questo non vuol dire che non ci vogliono più bene. Vuol dire che faranno delle cose e vivranno da soli. Ritengo che per gli affari sia la stessa cosa" [...] "C'è bisogno di una casa, nessuno vuole stare senza. Sia Auburn Hills, sia Torino sono in grado di ospitare il quartier generale del gruppo". [...] "C'è anche l'alternativa dell'America Latina".

Rocco Palombella, segretario generale della Uilm, è scettico riguardo al trasloco oltreoceano: "La sede del gruppo Fiat-Chrysler non potrà che essere in Italia, se si considerano gli investimenti previsti e gli accordi raggiunti. L'impegno del sindacato e dell'azienda non potrà che andare in questa direzione". Voi che ne pensate?

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017