Excite

Incentivi auto 2012: "Inutile alimentare illusioni"

  • Infophoto

Il mercato auto è un termometro esemplare della situazione economica in cui galleggia l'italiano medio. Il 2011 è stato un anno tragico per le vendite: 11% in meno rispetto a un già cupo 2010. L'ancora di salvezza potrebbero essere gli incentivi auto.

Potrebbero ma, a quanto pare, non saranno. Il presidente dell'associazione dei concessionari Federauto, Filippo Pavan Bernacchi, ha infatti recentemente smentito le voci di corridoio su possibili provvedimenti in arrivo dal Governo Monti: "Le indiscrezioni sugli incentivi sono completamente infondate. Sono voci che rischiano di creare un clima d'attesa nocivo per l'intero settore".

E gli incentivi auto, sempre secondo Pavan Bernacchi, sono indispensabili al fine di evitare il dramma: "I tempi sono lunghi, abbiamo presentato le nostre proposte per risollevare la domanda al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, ma è inutile alimentare illusioni" [...] "L'obiettivo è sostenere gli acquisiti con un piano pluriennale per recuperare almeno 200 mila vetture vendute l'anno tornando al più presto a quota 2 milioni, altrimenti il sistema non sta in piedi".

Infine l'anatema, lanciato a margine dell'Automotive Open: "Se nessuno fa niente questo sara' l'anno piu' brutto per certi versi da quando e' stata inventata l'auto". Consoliamoci con preziosi i consigli del "Maestro Anubi".

Maestro Anubi e il mercato dell'auto

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017