Excite

L'autovelox non basta, arriva il sorpassometro

  • Twitter @Effemeride_it

Tempi duri per i pirati della strada: arriva il sorpassometro, deterrente iper-tecnologico alle condotte scorrette di automobilisti senza scrupoli che amano sfrecciare in velocità invadendo spesso e volentieri la carreggiata opposta per superare gli altri veicoli come in un Gran Premio di Formula 1.

Quando scatta la prescrizione per le multe?

Il moderno dispositivo, capace di immortalare la manovra vietata di qualsiasi macchina confezionando in pochi secondi un filmato da inviare all’istante (tramite GPRS) alle centrali di controllo, renderà semplice la rivelazione delle infrazioni commesse su percorsi extraurbani, tangenziali e autostrade con prove oggettive della responsabilità dell’autore del sorpasso non consentito.

Grazie agli speciali sensori posizionati lungo il manto stradale in modo da renderli invisibili agli automobilisti, il sorpassometro riesce a segnalare in tempo reale alle autorità le manovre a rischio passibili di contravvenzione trasmettendo i dati sui 5 secondi precedenti e i 10 seguenti all’episodio incriminato.

Dall’invio per mezzo di connessione internet del video al “confezionamento” della multa che avrà un importo variabile compreso nell’arco tra 80 e 1272 euro, ci sarà un rapido passaggio di controllo degli eventuali errori dell’apparecchio, mentre il resto della procedura è totalmente automatico.

(Autovelox, ancora polemiche per le contravvenzioni "indiscriminate" agli automobilisti)

Un gradino più in alto degli ormai obsoleti autovelox a livello di evoluzione tecnologica, il rilevatore di sorpassi vietati si presenta come infallibile strumento di registrazione delle infrazioni dell’articolo 148 del codice della strada e promette “tolleranza zero” ai trasgressori.

Top secret, almeno per adesso, i percorsi scelti dai responsabili del traffico per l’installazione degli apparecchi, che ben presto daranno i loro (temuti, dal punto di vista dei comuni cittadini) frutti provando con tanto di fotogrammi e filmati le “malefatte” degli automobilisti meno virtuosi.

Striscia continua delle strade statali e provinciali a scorrimento veloce, ma anche o meglio soprattutto punti d’accesso alla corsia di emergenza delle autostrade italiane saranno d’ora in poi controllati dall'occhio indiscreto del sorpassometro.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017