Excite

Mercato auto, in Italia +6,8% ad agosto

Il mercato italiano dell’automobile anche ad agosto ha confermato il trend positivo manifestato nei primi sette mesi dell’anno, grazie all’efficacia degli incentivi alla rottamazione. Secondo il Ministero dei Trasporti, infatti, sono state immatricolate 103.750 vetture, con un incremento del 6,77% rispetto all’agosto dello scorso anno. Nei primi 8 mesi, le immatricolazioni ammontano così a 1.736.377 unità, il 7,27% in più sull’analogo periodo del 2006. L’efficacia degli incentivi non si manifesta solo nelle oltre 117.000 vetture immatricolate in più dall’inizio dell’anno, ma anche nel milione di auto tolte dalle strade, confermando la validità dell’iniziativa che, oltretutto, è a costo zero per le casse dello Stato.

Fiat sorprende ancora una quota di mercato del 31,8% e un incremento di 0,3% rispetto allo stesso mese del 2006. Ford è prima tra i costruttori stranieri con 7.609 unità (+2,53%) e precede Volkswagen (7.265 unità e un ottimo incremento, +29,48%). Opel scende al terzo posto con 7.171 unità (+13,48%), piu’ staccate Toyota (5.573, -18,01%) e Renault (5.025,+2,40%).

Mercedes (4.207 unità, +12,49%) è davanti a BMW (3.297 unità,+47,32%) e Audi (2.692,-1,79%) mentre vola la Kia (1.290,+43,17%) tra le case asiatiche. Ad agosto grande ascesa della nuova Fiat 500 che è balzata al secondo posto nel segmento A con 2.388 unità e alle spalle della Panda (6.934) che non risente affatto della concorrenza interna della nuova piccola torinese.

Fra le compatte la Fiat Bravo (1.889 unità) lotta con la Ford Focus (1.868 unità) ma in vetta c’è la Volkswagen Golf (2.324 unità).

La BMW Serie 3 (1.666 unità) conquista la leadership fra le berline medie, ai danni dell’Alfa Romeo 159 (1.618 unità) mentre la nuova Mercedes Classe C si piazza al quarto posto (861 unità) alle spalle della Volkswagen Passat (878 unità).

BMW regina anche tra i SUV con la X5 (468 esemplari) che scalza la Mercedes Classe M (411). Piu’ staccate Audi Q7 (229 unità), Touareg (216 unità) e Jeep Grand Cherokee (210 unità).

Il buon andamento del mercato e della “pulizia” del parco circolante ha tratto giovamento, oltre che dagli incentivi, anche dal contenuto costo del denaro, che ha favorito le vendite dilazionate, ormai molto diffuse nelle loro diverse formulazioni. “Il costo del denaro – commenta Gianni Filipponi, Segretario Generale dell’UNRAE, l’Associazione che rappresenta le Case estere presenti in Italia – deve restare ad un livello accettabile, per non frenare quel processo di rinnovamento del parco circolante tanto necessario sia per la difesa dell’ambiente, sia per il miglioramento del tasso complessivo di sicurezza, garantito dai nuovi prodotti rispetto alle auto di parecchi anni fa”.

Anche gli ordini seguono il buon andamento delle immatricolazioni: secondo un primo scambio di informazioni tra UNRAE e ANFIA, infatti, ad agosto con una crescita del 5,1% i contratti sfiorano le 106.000 unità, mentre nel cumulato superano abbondantemente il 1.706.000, con una crescita del 10,7%.

“La flessione in agosto dell’indice di fiducia dei consumatori – sottolinea Gianni Filipponi – deve suggerire la massima cautela da parte del sistema bancario, onde evitare che il processo di svecchiamento del parco e l’importante contributo del comparto dell’auto al bilancio economico nazionale subiscano un pericoloso rallentamento”.

Il buon andamento del mercato dovrebbe ora trarre ulteriori stimoli dall’applicazione delle legge n. 127/2007 che ripristina di fatto la precedente fiscalità sulle auto aziendali garantendo, nel contempo, un sensibile aumento della quota Iva detraibile. Nel complesso, dunque, il quadro fiscale per le auto aziendali risulta meno penalizzante rispetto a quanto accadeva negli anni precedenti.

In questi primi 8 mesi dell’anno, le immatricolazioni di vetture dei segmenti d’ingresso, favoriti dagli incentivi alla rottamazione, hanno registrato una crescita di circa 2 punti di rappresentatività, che conferma le scelte dei consumatori orientate – ove possibile – sull’acquisto di vetture piccole. Analoga valutazione per la buona ripresa delle berline (64,38% del mercato) e per la contrazione delle vendite di vetture con motori diesel, che comunque si mantengono a livelli alti (55,66% rispetto a 58,40% dell’analogo periodo dell’anno scorso).

Dall’analisi della struttura del mercato, infine, si rileva che nei primi 8 mesi dell’anno la suddivisione delle immatricolazioni in base alle aree geografiche vede tornare al primo posto le regioni del Nord Ovest, risalite dal 29,06 al 31,40% e dalla parallela discesa delle aree dell’Italia Centrale, passate dal 30,21 al 28,53%. Per quanto riguarda, infine, il mercato dell’usato, in agosto si sono registrati 281.137 passaggi di proprietà, al netto delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario), con un calo dell’11,23%, mentre nel cumulato gennaioagosto la crescita del 2,08% è da imputare ai 3.311.186 trasferimenti rispetto ai 3.243.642 dello stesso periodo dello scorso anno.

A cura di



motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017