Excite

Microcar nell'occhio del ciclone

Le microcar sono da sempre sulla graticola. Quadricli e tricicli leggeri sono stati più volte bollati come veri pericoli per la circolazione. Questi mezzi infatti non ottemperano, secondo il parere di alcuni esperti, agli standard di sicurezza richiesti. Se a questo si aggiunge che spesso e volentieri vengono condotti da incauti minorenni, il quadro risulta essere ancora più avvilente.

Ha fatto discutere parecchio negli ultimi tempi il caso di una giovanissima romana, che nel mese di Aprile ha perso la vita schiantandosi contro un pulmino. La perizia effettuata dagli inquirenti ha posto in risalto tutte le carenze strutturali delle vetture incriminate.

Stando al parere dei periti, le auto in questione non sarebbero adatte a circolare durante le giornate piovose, visto che superata la soglia dei 32 km/h diventano delle vere e proprie mine vaganti.

Nell'occhio del ciclone anche la conformazione delle microcar. Sono infatti eccessivamente leggere, sebbene il peso complessivo (350 kg) sia in linea con i requisiti richiesti per l'omologazione. Ciò nonostante, l'ossatura di questi veicoli è quantomai fragile, alla luce soprattutto dei crash test, che hanno evidenziato delle vere e proprie falle in termini di sicurezza.

Secondo quanto appurato dall'Adac ('associazione tedesca dell'automobile) le microcar non sarebbero in grado di reggere uno scontro con un'utilitaria. Dopo l'impatto cagionato in un crash test, avvenuto a 40 chilometri orari, i riscontri sono stati davvero negativi. La ruota, la sospensione e l'intero gruppo cambio-motore sono penetrati nella cabina, mentre il montante del parabrezza è arretrato di ben dieci centimetri.

(foto © LaPresse)

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017