Excite

Nuova patente europea: i dubbi della polizia municipale sui minorenni

  • Getty Images

Il 19 gennaio 2013, con l’entrata in vigore della terza direttiva UE sulla patente di guida, è stata introdotta la patente di guida europea. Nuove norme che consentono ai guidatori dell'Ue più libertà di movimento e che, secondo le intenzioni, rafforzeranno la sicurezza sulle strade europee e ridurranno le possibilità di frode.

Tra le novità la possibilità l'introduzione di una nuova categoria di patente di guida per i ciclomotori, l'accesso progressivo a motocicli di potenza superiore, una nuova categoria A2 con nuove caratteristiche tecniche e nuove norme relative all’età minima e all’accesso. Il tutto per garantire una maggiore sicurezza sulle strade, ma non tutti sembrano essere convinti delle novità introdotte.

La polizia municipale, sul proprio portale poliziamunicipale.it, lamenta la scarsa chiarezza delle nuove norme e la mancanza di comunicazione. I vigili, spiegano, “sono ancora in attesa di istruzioni sulla patente europea. Dopo l’errore sulle patenti per le moto è la volta dei minori alla guida”. Secondo quanto riporta il portale la decurtazione dei punti patente vale anche per i minorenni alla guida mentre il ministero la pensa diversamente.

Nonostante le norme siano entrate ufficialmente in vigore il 19 gennaio, la polizia municipale ha ricevuto le prime istruzioni dal ministero dell’Interno soltanto il 25 gennaio e con altri dubbi: secondo la polizia, infatti, “la decurtazione dei punti scatta anche per i conducenti di età inferiore a 18 anni. Per i minorenni negligenti quindi niente multa (pagano i genitori) ma almeno decurtazione di punteggio e revisione della patente per gli errori più importanti di guida”.

Al momento, dunque, una vera e propria rivoluzione che riguarda circa 300 milionidi automobilisti e guidatori europei, porta con se più di qualche incertezza.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018