Excite

Sms alla guida: la campagna shock sulla sicurezza stradale

"Tu guidi, tu scrivi, tu paghi". Un claim che colpisce per una campagna pubblicitaria che lascia il segno. Non bastano i messaggi, servono anche immagini forti quando si parla di sicurezza al volante, così lo spot lanciato negli Usa dall'agenzia governativa National Highway Traffic Safety ha già lasciato il segno.

La pubblicità è indirizzata a chi è distratto alla guida dal cellulare e per la precisione a chi scrive sms mentre è al volante. Nello spot, infatti, si vedono proprio tre ragazzi a bordo di un'auto che viene travolta da un camion mentre chi è al volante si distrae scrivendo sul proprio smartphone.

Un tema molto sentito negli Stati Uniti dove sono oltre 3 mila i ragazzi che nell'ultimo anno hanno perso la vita in incidenti simili.

Bimbi finti in strada per la sicurezza stradale

Proprio pochi giorni fa la stessa National Highway Traffic Safety Administration ha emanato un decreto che rende obbligatoria la videocamera posteriore su auto, furgoni e pick-up a partire dal 2018. Si tratta di un metodo per evitare incidenti che spessissimo coinvolgono minori e bambini. Secondo una stima della stessa agenzia governativa entro il 2018 il 73% dei veicoli in vendita sarà già equipaggiato con questo sistema di sicurezza.

La legge è arrivata dopo le tante proteste a causa di investimenti in retromarcia. Secondo l’ente governativo ogni anno i feriti in incidenti di questo tipo negli Stati Uniti sono 15mila, con 210 vittime, il 30% delle quali bambini sotto i cinque anni e il 26% adulti oltre i 70 anni. Si pensa che con l'introduzione di questa nuova legge saranno salvate circa settanta vite all’anno.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017