Excite

Targhe finite, Motorizzazione nel caos: immatricolazioni a rischio per 60 mila auto in tutta Italia

Un banale problema burocratico, non del tutto nuovo per gli addetti ai lavori del noleggio auto, rischia di far slittare di diverse settimane almeno 60 mila immatricolazioni, a causa dell’esaurimento delle targhe da parte della Motorizzazione.

Compiti della Motorizzazione: principali differenze con le funzioni dell’Aci

A denunciare il caos che già nei mesi scorsi si era presentato in più di una occasione, sebbene con proporzioni limitate, sono stati i rappresentanti nazionali dell’Aniasa, preoccupati degli effetti che questo black out potrebbe avere sull’intero indotto di un settore capace di coprire nel 2014 il 20% della quota complessiva di mercato in Italia.

L’insufficiente programmazione degli organi competenti, denuncia l’associazione che per conto di Confindustria si occupa dei servizi per l’autonoleggio, provocherà seri danni agli operatori, rendendo più lente e costose migliaia di immatricolazioni, in cantiere per gennaio ma sottoposte ad uno stop forzato per inefficienze del sistema.

In una lettera all’indirizzo dell’Istituto Poligrafico dello Stato, i promotori dell’appello di protesta auspicano che la controparte si attivi da subito per favorire una “rapida e completa ripresa della produzione e della distribuzione” delle targhe “presso gli Uffici territoriali del Ministero dei Trasporti.

(Patenti facili alla Motorizzazione, decine di arresti della Polizia Stradale a Latina: video)

Torino, Bologna, Lucca, Milano, Viterbo ed altre realtà provinciali, sottolineano con altrettanta forza i vertici dell’Unasca, versano in una situazione di emergenza non da oggi e adesso il rischio che saltino le registrazioni dei veicoli ai fini del noleggio appare più che concreto.

I ritardi accumulati nelle consegne delle targhe, nonostante il riavvio della produzione negli ultimi giorni, mettono in forse le immatricolazioni di sessantamila auto, innescando una serie di problemi nella mobilità sia dei privati che nelle aziende, con pesanti contraccolpi sul breve periodo.

Burocrazia e aumento dei costi sembrano ancora una volta voler fare da zavorra, in questo e in altri settori di non secondaria importanza per l’economia nazionale, ad una crescita che senza beffardi incidenti di percorso potrebbe mantenersi su livelli eccellenti.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017