Excite

Uber Milano, accolto ricorso dei tassisti contro l’app: "concorrenza sleale", stop al servizio in tutta Italia

  • Twitter @Avvenire_NEI

Un importante punto a favore dei tassisti nell’annosa contesa tra Uber Pop e i possessori di regolare licenza per il trasporto di persone su veicoli privati: la pronuncia del tribunale di Milano mette di fatto le “ganasce” alla multinazionale Usa in Italia, costretta a fermare un servizio considerato dai giudici lombardi concorrenza sleale.

Quanto si guadagna con l’app per autisti? I numeri del servizio Uber in Italia

Quindici i giorni di tempo concessi dalla magistratura ai gestori della tanto contestata app per adeguare l’attività ai parametri precisati dalla sezione Imprese del tribunale di Milano, ma l’inibitoria scattata da oggi insieme al blocco del trasporto di passeggeri sui veicoli alternativi ai taxi suona già come un colpo da ko.

In attesa della presentazione, data per certa dagli addetti ai lavori, di un ricorso da parte dei vertici di Uber contro la decisione del giudice Claudio Marangoni, il “popolo delle licenze” può pertanto festeggiare lo stop al servizio lanciato in Italia tra mille polemiche dalla società americana con ambizioni di leadership nel settore.

(Uber, la battaglia silenziosa dei “drivers” milanesi: “Per Expo 2015 noi ci saremo”)

Molto graditi dai promotori dell’azione legale accolta dal tribunale milanese, i passaggi della pronuncia sul rischio di “diffusione dell’abusivismo oltre che di “concorrenza sleale” alimentati da un’app assimilabile senza grandi differenze a radio taxi e pertanto non rientrante nelle più moderne categorie di car sharing o car pooling.

Le auto affiliate alla rete di Uber Pop rimarranno ai box non solo a Milano ma anche nel resto del Paese, ai sensi del provvedimento d’urgenza appena formalizzato dai magistrati del capoluogo lombardo su richiesta delle parti ricorrenti e cioè dei sindacati di categoria.

Significativa, ai fini della “bocciatura” del servizio che si prometteva di rivoluzionare il sistema dei trasporto di passeggeri su quattro ruote permettendo a chiunque di cimentarsi occasionalmente nel mestiere di tassista, la menzione dell’Expo 2015 come evento interessato dal potenziale incremento del fenomeno dell’abusivismo ai danni dei detentori delle licenze.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017