Excite

Valentino Rossi pagherà al Fisco 20 milioni di €...a rate

Valentino Rossi pagherà al Fisco 20 milioni di euro. Il sette volte campione del mondo della Yamaha ha chiesto di versare a rate. Lo rivela in esclusiva 'QN - Quotidiano.net', che spiega come il reparto speciale di tributaristi del pilota di Tavullia è riuscito in sei mesi a limare di oltre cinque volte le pretese iniziali. L'Agenzia delle Entrate di Pesaro, infatti, voleva indietro 112 milioni di euro tra Iva, Irpef, Irap, sanzioni e interessi compresi, per gli anni 2000-2004. La firma d'intesa è di qualche giorno fa.

Si era partiti da un imponibile evaso di 60 milioni di euro, scrive 'QN', e al campione era stata contestata la residenza fittizia a Londra. L'Erario incasserà poco più di un quinto della somma richiesta, ma a far fede sono quei 60 milioni di imponibile evaso, anzi 57 milioni ad essere precisi, e quindi si può dire che le tasse dovute sono rientrate quasi tutte. «Credo proprio che sia finita -ha detto Lucio Monaco, avvocato difensore di Rossi a 'QN'-. Valentino pagherà 20 milioni di euro. E tornerà a ridere, a vincere, a prenderla così come viene.... Non è un evasore fiscale e la prova ce la dà proprio la sia decisione di pagare: non voleva guerre ma un accordo giusto».

L'avvocato del campione della Yamaha spiega poi come si è arrivati all'accordo con l'Agenzia delle Entrate: «I tributaristi che hanno seguito la trattativa sono partiti da ciò che Valentino aveva pagato in Inghilterra, da ciò che gli sponsor e la squadra hanno trattenuto sui compensi, dalle spese di produzione del suo reddito. E soprattutto ricordando all'Agenzia delle Entrate che moltissimo contratti di pubblicità venivano firmati dalla Honda e non da Valentino il quale percepiva solo la cifra pattuita».

La decisione di pagare non ammette implicitamente l'evasione fiscale. «Valentino di fronte alle contestazioni -dice ancora l'avvocato Monaco- non si è nascosto ma si è assunto la responsabilità». L'Agenzia delle Entrate di Pesaro, scrive poi 'QN, non prende in considerazione il 2005 e il 2006, anche se è stato messo in chiaro che le posizioni dei due anni verranno definite al più presto. Rossi aveva versato al fisco inglese, tra il 2000 e il 2004, circa 4 milioni di euro che oggi sono stati detratti.

motori.excite.it fa parte del Canale Blogo Motori - Excite Network Copyright ©1995 - 2017